Molisana per il food service: otto nuovi formati quadrati

La farina di Enkir e il suo utilizzo nel libro di Antonella Scialdone 1
La farina di Enkir e il suo utilizzo nel libro di Antonella Scialdone
9 Febbraio 2020
Un museo e una bibita per valorizzare le Clementine di Calabria 11
Un museo e una bibita per valorizzare le Clementine di Calabria
9 Marzo 2020
1

E’ una linea pensata solo per il canale Food Service e si rivolge quindi ai professionisti della ristorazione: è la gamma di formati di pasta “Le Quadrate” pensati dal Pastificio Molisana.

L’ azienda di Campobasso che vanta 100 anni di produttività che l’ hanno fatta diventare leader fra le produzioni di pasta italiana, ha pensato ad un modo per aiutare gli chef a rinnovare la routine delle paste classiche dando loro una linea nuova che oltre all’ estetica premia anche il sapore e la versatilità. La linea va ad aggiungersi aagli altri prodotti pensati per il food service: “Collezione da chef”, 2Grandi Cucine”, “Biologiche”.

Grazie alla pregiata semola con il 14,5% di proteine e un’ alta qualità e quantità di glutine, la linea “Le Quadrate” non rilascia amido e la trafilatura al bronzo e il 30% in più dell’ area quadrata permettono di catturare meglio i sughi. Questa gamma è ideale per rinnovare molti primi tradizionali con un tocco di design che aumenta anche la resa finale del piatto; i formati disponibili sono otto e spaziano fra spaghetti, paste lunghe e corte.

Noi ci siamo divertiti a testare uno dei prodotti, i “Sedani quadrati”, con un sugo classico come la “carbonara” e il risultato che ci ha dato in fatto di porosità e ruvidità ci è piaciuto moltissimo; inoltre la forma quadra raccoglie meglio il condimento.

Probabilmente non c’ è bisogno di ricordare la ricetta della carbonara, ma se la trovaste utile, eccola.

Siamo partiti dagli ingredienti, scegliendoli con cura: la pasta Molisana, un Guanciale di Norcia, Pecorino, un rosso d’ uovo a persona. Dopo aver messo l’ acqua sul fuoco, abbiamo reso croccante il guanciale facendolo sciogliere nella padella senza grassi; abbiamo messo da parte il guanciale e nella stessa padella, senza pulirla, abbiamo fatto imbiondire aglio e cipolla con un po’ d’ olio evo. Intanto, l’ acqua sarà giunta a bollore e abbiamo “calato” la pasta. Il tempo della cottura della pasta ci è servito per fare la cremina con tuorlo, Pecorino grattugiato (1 cucchiaio a persona), pepe e un po’ di acqua della pasta per aiutare la crema a formarsi. Abbiamo scolato la pasta, saltata in padella con olio e cipolla (togliete l’ aglio dopo averlo dorato) e aggiungete la crema di uovo; saltate e se necessario aggiungete un po’ di acqua di cottura. Non fate cuocere l’ uovo tipo frittata; impiattate e aggiungete le listarelle di guanciale croccante e una spolverata di formaggio grossolano.

Dopo aver provato questo formato, ci auguriamo che la Molisana apra un canale anche per la Gdo.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *