Fico Eataly World: la riapertura nel segno della sicurezza e della fiducia

Bozza automatica 7
La riapertura dei ristoranti stellati: La Capanna di Eraclio
27 Maggio 2020
Mimì alla ferrovia
Passato e presente della storica trattoria “Mimì alla ferrovia” a Napoli
10 Giugno 2020
Bozza automatica 8

Martedì 2 giugno Fico- Eataly World sarà il primo parco tematico dell’ Emilia Romagna a riaprire i cancelli e accogliere i visitatori. Una riapertura che sa di speranza e di rilancio e che segna un passaggio delicatissimo ma l’ ottimismo, in tandem con la prudenza, non è mancato nella conferenza stampa di presentazione che si è svolta ieri mattina alla presenza dei principali rappresentanti ed organi istituzionali.

La conferenza è stata aperta da Tiziana Primori Amministratore Delegato di FICO, che ha parlato degli sforzi fatti in questi mesi, riassumibili nell’ ashtag #staisicuro, lo slogan con cui Fico apre questa nuova fase è che sarà il fil rouge di tutte le attività, “vecchie” e nuove, con cui FICO apre questa nuova stagione.

Fico eataly world

Le istituzioni sono state rappresentate in primis dal Vice Sindaco di Bologna, Fausto Tinti, che ha garantito la vicinanza del sistema istituzionale e ha parlato di questa riapertura come un messaggio positivo per tutta la Regione.

L’ aspetto della sicurezza sanitaria resta fondamentale e ad entrare in gioco è la stessa Asl di Bologna, nella figura della Dott.ssa Luciana Prete che ha raccontato il periodo di lunga sofferenza che ha visto i sanitari impegnarsi 14 ore al giorno con spirito di servizio. Con parole di grande onestà la Dott. ssa Prete ha ammesso la poca praticabilità di alcune linee guida che restano però fondamentali e per cui è necessaria la collaborazione di tutti per il bene comune; la Dottoressa ha ribadito anche che l’ emergenza non è superata e che i mesi di ottobre e novembre saranno importantissimi per uscire definitivamente dall’ incubo del Covid19.

Veniamo alle novità, che vi sveliamo subito.

La prima riguarda la ripartenza delle attività di somministrazione, che godranno degli ampi spazi esterni, per cui sarà possibile consumare i pasti nel frutteto, nell’ uliveto o nei pressi della tartufaia, oltre che sotto l’ampia zona esterna coperta dalla tettoia: un totale di 18 aree esterne che potranno essere interamente prenotate anche per eventi. Inoltre, è possibile prenotare ulteriori 16 aree verdi dove gustare la merenda o l’aperitivo nell’uliveto, nel frutteto e nell’area dei frutti a guscio. Prenotare è semplicissimo: dopo avere consultato la mappa, è sufficiente inviare un WhatsApp al n. 334 6372999 indicando il nome del ristorante scelto oppure il nome Dehors Sosta del Gusto, il numero di persone con i nominativi, giorno e ora. Su www.eatalyworld.it è specificato tutto nei dettagli. Per mantenere aperto il discorso didattico, accompagnato da quello prettamente “gustativo”, FICO ha pensato anche a sei nuove esperienze, le Emozioni del gusto: si tratta di percorsi che attraversano le fabbriche, gli allevamenti e le coltivazioni di FICO per scoprire le storie dietro ai prodotti del territorio Italiano e svelare i segreti dei piatti della nostra tradizione. I sei percorsi sono: La forma della tradizione, Tutto il buono del maiale, Il tortellino d’autore, Paste in tutte le salse, Vino al Vino, Dulcis in fundo.

La seconda novità riguarda la ripresa delle attività rivolte ai bambini e ragazzi ma con un progetto più ampio e rinnovato, la “Summer School”, che coinvolge due colossi bolognesi del settore educativo: le cooperative “Cadiai”, già presente a Fico con l’ agri-bottega, e la “Dolce” alla sua prima collaborazione con il parco. Durante i mesi estivi, infatti, Fico sarà una vera e propria Summer School con due progetti specifici: uno, riservato a bambini di 6-10 anni, consisterà in attività motorie, tornei, laboratori di lettura creativa e un forte coinvolgimento dei bambini nelle attività del frutteto; l’ altro, per ragazzi di 11-14 anni, consisterà in un supporto allo studio con la creazione di piccoli gruppi. Entrambe le rappresentanti delle due cooperative sociali hanno garantito la relazione continua con gli educatori, che vigileranno affinchè vengano realizzate le disposizioni di sicurezza.

L’ altra grande novità è data dall’ apertura nell’ orario serale per l’ inaugurazione del cinema all’ aperto: è stato Alessandro Morandi Berselli, gestore di alcune sale cinematografiche cittadine, a presentare il progetto, realizzato in collaborazione con Radio Sata e Confcommercio Ascom Bologna: il programma  andrà in scena dal 18 giugno al 31 agosto e si svolgerà nell’ arena del parcheggio di Fico; anche in questo caso è stato pensato un sistema che garantisca sicurezza, per cui il posto a sedere dovrà essere prenotato on line e sarà garantito il distanziamento anche a piena capienza, pari a 600 posti.

Dopo l’ annuncio delle novità, la parola è passata ad Andrea Segrè, Presidente CAAB e Fondazione FICO, che ha sottolineato il rapporto degli italiani con il cibo, che in questi mesi di lockdown si è fatto ancora più forte e che la presenza di un parco agroalimentare come Fico può aiutare a rinsaldare ancora di più: “Con la riapertura di FICO nuove iniziative sono in programma nel Parco, in sinergia con CAAB e Fondazione FICO: la visione comune legata alla sostenibilità agroalimentare si rafforza con il progetto dell’ortofrutta CAAB a FICO, prevista per il mese di giugno. Un articolato progetto per offrire a visitatori e turisti il meglio della proposta stagionale di frutta e verdura km 0, con prezzi calmierati e certificazione di alti standard di qualità. E con l’apporto di un networking sinergico per il trasporto della merce, attraverso il servizio di consegna gratuita a domicilio su cargobikes Dynamo e il servizio steward della piattaforma indipendente #Chiamatenoi». La mattina è poi proseguita con altri interventi interessanti, fra cui quello di Guglielmo Garagnani, Vice Presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano, che ha raccontato di quanto sia stato incessante il lavoro di questi due mesi per ricostruire un modello organizzativo nuovo che ha portato il sistema dell’ Emilia Romagna ad essere un esempio seguito da tante altre Regioni e l’ importanza di credere e puntare ancora sul binomio “Cibo-turisno”, una base per ripartire.

Infine, l’ Assessore Regionale Andrea Corsini  e l’ Assessore Comunale Marco Lombardo hanno ribadito il lavoro costante per costruire garanzie di sicurezza, invitando gli ospiti a fidarsi  del lavoro svolto e l’ impegno a rilanciare Fico come luogo di relazionalità; non da ultimo, l’ impegno a valorizzare la filiera agroalimentare.

Fico così riparte, ma sono da tenere d’ occhio gli orari di apertura di questo primo mese “di osservazione”: da giovedì alla domenica dalle ore 11 alle ore 23. Dal 18 giugno sarà aperto tutte le sere per l’arena spettacoli, e dal 15 giugno dal lunedì al venerdì per consentire ai bambini e ragazzi di vivere il Summer Camp e la Summer School.

Confermate le aperture di tutte le fabbriche agroalimentari e le attività di somministrazione; l’ unica indiscrezione che abbiamo colto riguarderebbe la “Camst”, che avrebbe lasciato libero lo spazio ristorativo “Bell’ Italia”, che presto sarà occupato da una nuova gestione.

Il primo evento, per celebrare la regina della cucina italiana (la pasta sfoglia), in data 7 giugno, sarà la Sfoglia da guinness: donne e uomini saranno chiamati “al mattarello” per realizzare la pasta sfoglia più lunga del mondo e scoprire, grazie anche alla collaborazione con ONAV, i vini del territorio.

Tutti gli aggiornamenti su www.eatalyworld.it

Manuela Di Luccio

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *